“Sparì come un pulviscolo d’oro”: Pasolini tra fotografia e cinema

<<SPARI’ COME UN PULVISCOLO D’ORO>>:

Pasolini tra fotografia e cinema

.
 relatrice dott.ssa Corinne Pontillo

vincitrice XXX edizione Pemio Pasolini
.
Venerdì 3 Febbraio ore 20.00
sede de I LESTRIGONI
.
Corinne Pontillo. Ha conseguito la laurea triennale in Lettere moderne e quella Magistrale in Filologia moderna presso l’Università di Catania con la stesura della tesi Di luce e morte. Pier Paolo Pasolini e la fotografia, con la quale le è stato assegnato nel 2014 il  Premio Pasolini. Una forma rielaborata di questo studio è stata poi oggetto di pubblicazione presso la casa editrice Duetredue.
Dal 2012 è membro della redazione di <<Arabeschi>>, rivista internazionale di studi su letteratura e visualità>>, per la quale ha pubblicato diverse recensioni (su Belting, Pamuk, Basilico) e dove ha approfondito le ricerche sulle ibridazioni tra linguaggio verbale e visivo.
È stata selezionata come uditrice a diversi convegni, come Fictional movies: the literary invention of cinema (L’Aquila, 2012), Figure del desiderio. Retorica, temi, immagini (Pisa, 2012) e Una vernice di fiction. Gli scrittori e la televisione (Catania, 2013).
E’ dottoranda di ricerca in Studi sul patrimonio culturale nel Dipartimento di Scienze Umanistiche dell’Università di Catania con un progetto dedicato allo studio de «Il Politecnico» (periodico diretto tra il 1945 e il 1947 da Elio Vittorini).
Pubblicazioni e relativi abstract
Prefazione “Di luce e morte
Verbale Premio Pasolini

 


Lascia un commento

Devi effettuare l'accesso per inserire un commento