Fotoracconto Pantalica

Domenica 15 aprile si svolgerà il secondo fotoracconto dell’anno organizzato dal Club che ha come tema: Pantalica.
L’appuntamento per l’uscita fotografica collettiva, è fissato alle ore 9:00 nel Bar “Voglia Matta” sito a Lentini in via Agnone n° 102 (zona ex mulino Ferrauto).
Dopo la consueta colazione offerta dal club, alle ore 9:30 è prevista la partenza per Pantalica (ingresso lato Sortino dalla galleria dell’antica ferrovia Siracusa-Ragusa-Vizzini).

Per il programma completo dei fotoracconti dell’anno 2012 visualizzate il seguente LINK.

PANTALICA
Risale del XIII secolo a.C. il primo stanziamento sul sito di Pantalica, dovuto a genti portatrici di una facies culturale caratterizzata dalla ceramica dello stile di Thapsos. Gli storici suppongono che quest’insediamento sia dovuto a genti costrette ad abbandonare le piane costiere dallo stato di guerra, determinato dalle invasioni sicule, per cercare una sede più forte e più rispondente alle necessità di difesa. La valle, stretta intorno al fiume Anapo e al Cavagrande (che nel tratto finale diviene Calcinara) è difesa naturalmente, tra due gole profonde e con una sola via d’accesso.
Della città, probabilmente distrutta dai siracusani prima della fondazione di Akrai nel 664 a.C., restano oggi pochissime tracce, fatta eccezione per l’incredibile numero di tombe (più di 5000) scavate utilizzando probabilmente asce di bronzo o di pietra, poiché il ferro non era ancora stato scoperto.
La civiltà di Pantalica possiede, infatti, la peculiare costumanza funeraria di seppellire i propri defunti all’interno di grotticelle scavate nella roccia. Le necropoli si dispongono lungo quasi tutti i fianchi del massiccio collinare sul quale sorgeva il centro abitato.
Dopo la sua distruzione, torna a vivere con i bizantini che vi impiantano piccoli villaggi rupestri. Dopo una probabile frequentazione in periodo arabo normanno, il sito è completamente abbandonato fino all’inizio del ‘900, quando l’archeologo Paolo Orsi, inizia le ricerche.
Nel 2005 le Necropoli rupestri di Pantalica sono state iscritte nella lista dei beni dichiarati dall’UNESCO patrimonio dell’umanità.

Per ulteriori info http://www.pantalica.org/


Lascia un commento

Devi effettuare l'accesso per inserire un commento